Voci di vento

Ho scoperto di essere un’appassionata di voci di vento. Tra tante passioni forse ho scelto la più strana, anche se mi sto sempre più convincendo che è questa passione ad aver scelto me! Ho cambiato casa diverse volte, e , spesso, nella stessa casa ho cambiato stanza, una migrazione continua che mi ha portato a notare le differenze nelle diverse voci……..No, ok, non è che “SENTO LE VOCI” , sento il vento, è bene precisarlo subito! Dicevo, cambiando stanza di volta in volta, ho affinato l’orecchio e ormai riconosco i posti dalla voce di vento che sento alla finestra (forse cosa più folle del “sentire le voci”…). Anzi, togliamo queste parentesi e diciamo che è senz’altro cosa più folle che sentire le voci, perché questo vento è per me una compagnia, una presenza quasi. Un qualcosa che c’è e che parla. Dice la sua. La dice sempre a proposito. Ed io me l’aspetto! Cioé quando vado da qualche parte, in qualche posto che conosco, io mi aspetto una determinata voce di vento.

Ogni finestra ha il suo vento, ogni vento la sua voce… ed ogni voce pronuncia le parole con diverso accento.

Sono cambiate molte cose negli ultimi 2 anni ed è cambiata anche la casa, la stanza, la finestra e il relativo vento. Ma a questa voce di vento che sento alla mia nuova finestra non riesco ad abituarmi, non so interpretarla. Non è la frusta severa dell’inverno che più mi rende dolce il ristoro in casa; non è la culla alle cicale nelle più liete notti d’estate (voci che sento al paese natìo); nemmeno il muto materno soffiare su ferite aperte (voce che mi accompagna e consola nelle mie peregrinazioni solitarie reali e/o immaginarie per i vicoli che Roma mi nasconde). Non è il mio amico burbero e sincero col suo tono roco ma vero e rassicurante (voce che mi dice: studia, vai avanti, abbi fiducia,bla bla bla, ecc. ecc.); non è l’ambizioso sospingere i sogni in cielo (voce che sentivo quando studiavo anatomia con la scrivania attaccata alla mia vecchia finestra nella casa di via Perodi).

Ogni finestra ha il suo vento

ed ogni vento ha la sua voce

ed ogni voce pronuncia le parole

con diverso accento.

Ma questo accento, questo vento

non è familiare al mio cuore.

Per due anni ho cercato di capire questa voce, ma non ci son riuscita. Forse è sintomo della mia volontà di non legarmi a questo posto. Forse rifiuto questa voce perché non voglio ricordarla, non voglio mi appartenga come le altre. Forse non vedo l’ora di andarmene, di nuovo. Cambiare città, casa, stanza, finestra e vento. Magari il prossimo vento parlerà la lingua che conosco.

6 Responses to “Voci di vento”


  1. 1 Pino 19 aprile2008 alle 2:08 pm

    Ho lasciato scappar via l’amore
    l’ho incontrato dopo poche ore
    è tornato senza mai un lamento
    è cambiato come cambia il vento
    Vento d’estate io vado al mare voi che fate
    non mi aspettate forse mi perdo

    Ho pensato al suono del suo nome
    a come cambia in base alle persone
    ho pensato a tutto in un momento
    ho capito come cambia il vento

    Vento d’estate io vado al mare voi che fate
    non mi aspettate forse mi perdo

    Ho lasciato scappar via l’amore
    l’ho incontrato dopo poche ore
    è tornato senza mai un lamento
    è cambiato come cambia il vento

    Ho pensato al suono del suo nome
    a come cambia in base alle persone
    ho pensato a tutto in un momento
    ho capito come cambia il vento

    Vento d’estate io vado al mare voi che fate
    non mi aspettate forse mi perdo

    Vento d’estate io vado al mare io vado al mare
    non mi aspettate mi sono perso

  2. 2 Pino 19 aprile2008 alle 2:09 pm

    Io e te io e te
    perché io e te
    qualcuno ha scelto forse per noi
    mi son svegliato solo
    poi ho incontrato te
    l’esistenza un volo diventò per me
    E la stagione nuova
    dietro il vetro che appannava fiorì
    tra le tue braccia calde
    anche l’ultima paura morì
    Io e te vento nel vento
    io e te nodo nell’anima
    stesso desiderio di morire e poi rivivere
    io e te…

  3. 3 emiz 21 aprile2008 alle 7:32 pm

    ma che ti spammano canzoni? 😉

    strana sta cosa della voce del vento. non che ne ignorassi il suono ma mi hai portato più in profondità.
    io sono mezzo sordo.il vento l’ho sempre guardato.
    osservazione indiretta della realtà per sopravvivere.

    kizz

    ps
    ….e un pò di spam poetico?

    Ancora una stagione

    Sbuffa di luce lo scirocco di marzo
    e di campane quaresimali.
    L’anima si riempie
    di polline e sospiri.
    Viene ancora
    quella stagione che pensavi l’ultima,
    viene pregnante di emozioni
    e di odori,
    riapre le ferite e le infiamma
    dalle corolle delle fresie rosse,
    mozza il respiro
    e fa vibrare il cuore.
    Ti dice che sei viva
    e tu
    non lo credevi.

    V. A.

  4. 4 Johnf634 29 giugno2014 alle 6:43 am

    Hi, Neat post. There’s a problem with your site in internet explorer, would test this IE still is the market leader and a good portion of people will miss your excellent writing because of this problem. kbcfbcgakbke


  1. 1 personal finance articles on credit cards Trackback su 20 settembre2014 alle 11:38 pm
  2. 2 personal finance blogs for 40 somethings Trackback su 19 ottobre2014 alle 2:39 am

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




aprile: 2008
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Post più letti

Più cliccati

  • Nessuna

Visit LucaniaLab

Blog Stats

  • 38,343 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: