No social

Non so se è una cosa che capita solo a me, ma la qualità della voce di chi mi parla è fondamentale perché io riesca ad ascoltarlo. Certo, la cosa più importante è il contenuto, gli argomenti di conversazione, le motivazioni, bla bla bla. Però la voce conta! Stamattina ero seduta molto scomodamente in un banco, tentavo di studiare con mente lucida, calma e placida, quando si è avvicinato un collegucolo in tutto uguale a Milhaus (tranne che per i capelli blu…) ma con la voce di Lisa Simpson versione trans. Ha cominciato a chiedermi delle informazioni sui corsi, sulle esercitazioni, ma credo di essere rimasta sospesa nei miei pensieri a lungo. Vedevo la sua bocca muoversi e cercare di articolare il linguaggio, ma non sentivo le parole, perché ero troppo concentrata sull’assurdità della sua voce. Ma che conformazione di laringe e di epiglottide avrà uno per produrre una voce così? E se fosse il mio orecchio a percepire male? Lui parlava ed io mi ponevo questi grandi interrogativi, finché un evento alla periferia del mio campo visivo non mi ha riportato alla realtà. “Allora, tu ne sai niente?” questa è l’unica frase di Milhaus che ho captato. Avrei potuto rispondergli: “Scusa, ero distratta, dicevi?” oppure :”Non ho capito, dicevi?” ma questo significava riascoltare la voce in versione trans di Lisa Simpson col rischio di non riuscire comunque a seguire il filo del discorso! Quindi è andata così:

“Allora, tu ne sai niente?”.

“No”.

I’m a very unsocial person.

9 Responses to “No social”


  1. 1 Marco 30 aprile2008 alle 9:03 am

    Realmente un’esperienza paranormale sentire la voce di Lisa Simpson trans! Ora scusami che vado a fare un po’ di logopedia e dizione….😉

  2. 2 emiz 1 maggio2008 alle 11:05 pm

    povero milhaus. poi uno si chiede da dove vengano le turbe della psiche, i traumi della gente.

    ignorato il suono suo
    noi usignoli
    assenti
    ridevamo in cima al cielo
    e sotto nella terra
    vermi
    quante risate quante
    risate
    😉 Nsocial netWork

    ps: al collega consigla un corso di ortoepia..

  3. 3 panirlipe 2 maggio2008 alle 10:22 pm

    io delle voci guardo il colore, anzi, a tutti i suoni associo un colore. Mia suocera ad esempio, ha una voce grigia grattuggia e ricordo che la prima volta che l’ho sentita non mi è piaciuta per niente. Preferisco i toni più caldi e lisci, voci blu e vellutate

  4. 4 Pino 3 maggio2008 alle 1:07 pm

    per panirlipe:

    hai letto Almost blu?

  5. 5 pani 3 maggio2008 alle 1:38 pm

    no. Però ho scoperto che questa cosa, chiamata sinestesia, è comune a molte persone

  6. 6 Sara 4 maggio2008 alle 12:18 pm

    Sono d’accordo con Panirlipe…anch’io associo alle voci un colore…la voce poi è evocativa di un certo stato d’animo e noto quante sfumature abbia…:-)

  7. 7 osolemia 7 maggio2008 alle 1:44 pm

    @tutti: ahimé, la voce del mio collega ispirava più incredulità e meno “romanticismo”😉

  8. 8 Oculus Perpetuus 10 maggio2008 alle 7:58 am

    Ti ringrazio per il post ed i relativi commenti: mi hanno dato l’occasione di imparare e poi riflettere su una nuova parola “Sinestesia”

  9. 9 osolemia 10 maggio2008 alle 12:15 pm

    @Oculus: figurati, è stato un piacere!


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




aprile: 2008
L M M G V S D
« Mar   Mag »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
282930  

Post più letti

Più cliccati

  • Nessuna

Visit LucaniaLab

Blog Stats

  • 38,343 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: