Il ritorno del lama

E va bene, che la gente è tutta particolare ormai ne sono certa, ciascuno ha la sua stranezza, ma un ambulatorio medico è sempre un osservatorio privilegiato (quasi migliore degli autobus).

Il signor Lam dei Lama (Tal dei Tali… ma in questo caso è più appropriato il nome da me coniato) si accomoda sulla poltrona e quando il mio collega gli si avvicina con la boccettina del collirio gli dice:”No, eh? Niente gocce che devo guidare!” ed io dall’alto della mia pazienza e dal basso della mia esperienza gli rispondo:”Mi scusi, ma lei ha fatto tutti questo chilometri per questa visita specialisitica e poi non si lascia visitare?”.

Infatti, dato che conosco i miei polli e riconosco un paziente mentitore dalla scia di bugia che si lascia dietro (tanto che la porta dell’ambulatorio resta aperta… con la scia incastrata…), mentre Lam dei Lama spudoratamente mente per evitare il collirio, entra il suo compagno di merende avvertendolo che aveva appena trovato parcheggio, ERGO, Lam dei Lama era accompagnato e non guidava affatto lui (e infatti… paonazzo di vergogna… in due mezzi secondi – cioé un secondo intero – netti)!

Così il mio collega ci riprova “Coraggio signore, apra gli occhi e guardi verso l’alto” e mentre dice queste parole e gli instilla le gocce, per tutta risposta, con esclamazioni adatte a una cantina, Lam dei Lama gli sputa sulla mano. Oh my god!!

“Oh, mi scusi, dotto’, ma io mi so’ sentito una cosa nell’occhio e mi è venuto naturale sputare(ceeeeeeeeerto, legittima difesa! No? Ovvio).

Il mio collega resta senza parole, incredulo, non si capacita. Faccio accomodare fuori il paziente invitandolo a controllarsi e ad avere un comportamento rispettoso (avrei voluto usare la parola “civile”, ma chissà se avrebbe compreso) poi “Ma… ma… hai visto cosa ha fatto?”, non sapendo se ridere o se piangere, rispondo:”Ho visto, my god, sono senza parole! Che ti devo dire, forse al suo paese si usa così… Ma ora non stare lì impalato, lavati per bene”.

Chi di collirio ferisce, di lama perisce.

(e per fortuna non è toccato a me, ih ih!!!)

16 Responses to “Il ritorno del lama”


  1. 1 donnaemadre 10 ottobre2008 alle 5:12 am

    Questa non l’avevo mai sentita… pensavo di aver raggiunto il massimo quando ho vista una barbona farsi le pulizie davanti al mio ufficio..

    … altri episodi, di prima mattina mentre bevo il caffè, proprio non mi sento di raccontarli…

  2. 2 pani 10 ottobre2008 alle 7:23 am

    non so se mi diverte di più la scia di bugia incastrata nella porta o il Lam dei Lama. Veramente curioso il tipo. Mi ricorda il cantante dei PHD, quello che aveva il vizio di leccarsi la mano.

  3. 3 arthur 10 ottobre2008 alle 8:49 am

    Mannagg… Raggio di Sole, il problema dei tuoi racconti è che sembrano così veri che, ho avuto la sensazione di vedere quello sputo… (non era un complimento… )

    Ma, ma, ma, fammi pensare un po’, inauguriamo anche “l’Ambulatorio” una serie di racconti senza cerniera di giornate passate insieme a dei pazienti a volte strani, creativi per giunta, insomma fuori dal normale? E no, perchè a questo punto parto subito con le fotolito per la stampa…

  4. 4 donnaemadre 10 ottobre2008 alle 9:07 am

    Che vuol dire “sembrano così veri”? Sono veri!

    *** abbiamo capito quello che intendevi, abbiamo capito… ***

  5. 5 osolemia 10 ottobre2008 alle 6:47 pm

    Pani, chi sono i PHD?

    Arthur, mannaggggg e mò mi dispiace che ti ho fatto addirittura visualizzare lo sputacchiante… mannaggggggggggg che schifezza😉
    Comunque mi sa che presto creerò la pagina che raccoglie tutte le storie dell’ambulatorio… quando comincerò il tirocinio sai quante me ne capiteranno che non riuscirò a trattenermi dal raccontare? prepara prepara, prepara tutte cose (come dite voi siculi). 🙂

    Diemmina, ne avrei da raccontare ancora… e forse lo farò!

  6. 6 pani 10 ottobre2008 alle 8:36 pm

    Phd, duo britannico diventato famoso nel 1982 con una canzone che ora ha riproposto zucchero, “Tutti i colori della mia vita”.

  7. 7 osolemia 10 ottobre2008 alle 9:09 pm

    Aaah! Grazie Pan… sì in effetti la canzone di Zucchero la conosco… sai com’è nell’ottantadue ero ancora in fase di progettazione😉

  8. 8 pani 10 ottobre2008 alle 9:46 pm

    capisco…
    Forse su you tube ci sarà qualche video. Il cantante aveva proprio il vizio di leccarsi la mano e spesso la teneva in tasca. Oddio, non ho mai capito se lo facesse apposta, se era un tic o un vezzo…ora vado a googolare.

    Dei gran bravi progettisti pero:-)

  9. 9 pani 10 ottobre2008 alle 9:54 pm

    sì, sì, lo faceva davvero, ecco qui:

    prima dei due minuti ha già fatto tre leccate. Ci vuole occhio però.

  10. 10 osolemia 10 ottobre2008 alle 9:58 pm

    Visto! mah… che roba!!😀

  11. 11 pani 10 ottobre2008 alle 10:29 pm

    potresti fare un post sui tic più strani. Io conosco alcuni tipi…

  12. 12 Oculus Perpetuus 11 ottobre2008 alle 5:52 pm

    Ma poi gli avete fatto un nuovo appuntamento?
    Se ritorna vi consiglio guanti, casco ed impermeabile!🙂

  13. 13 poitiracconto 21 ottobre2008 alle 9:58 pm

    vedi? è per questo che ho scelto medicina veterinaria, almeno se un cane ti lecca è per essere gentile…

  14. 14 Sabino Berardino 28 ottobre2008 alle 10:42 pm

    meglio non racconti cosa ha fatto il paziente oggi, mentre lo ecografavo: Manovra di Valsalva produttiva 🙂

  15. 15 osolemia 28 ottobre2008 alle 10:58 pm

    o_O — credo di aver capito…. ehm… quando si parla di rischi lavorativi…

  16. 16 donnaemadre 29 ottobre2008 alle 3:46 pm

    Sono dovuta andare a cercare su Google…

    La manovra di Valsalva consiste in un’espirazione forzata a glottide chiusa. Tale operazione può essere utilizzata per scopi diversi, ad esempio per diminuire la frequenza cardiaca in caso di tachicardia o calmare un singhiozzo fastidioso.

    La manovra di Valsalva aumenta notevolemente la pressione intratoracica ed intra-addominale, favorendo tra l’altro lo svuotamento dei visceri.

    *** credo di aver capito anch’io… ***


Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




ottobre: 2008
L M M G V S D
« Set   Nov »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Post più letti

Più cliccati

  • Nessuna

Visit LucaniaLab

Blog Stats

  • 38,343 hits

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: