Posts Tagged 'vacanze'



La gente se ne va

La gente se ne va. La vacanza arriva per tutti, prima o poi. Le ultime pioggie della primavera (che pure se ne va…) lavano gli ultimi patetici ricordi. Sciolti, dissolti.

L’entusiasmo delle partenze resetta i rapporti che sembra non abbiano trovato la giusta direzione per un intero anno, per anni interi. La valigia non ha spazio per i pesi morti, ma solo per l’essenziale. Il sole estivo mette in ombra la malinconia, quella rifiorirà in autunno su rami ormai secchi, riempiendo lo spazio lasciato dalle foglie che sono a terra a colorare i viali e a suggerirci, timide, un nuovo percorso piuttosto che badare al solito vuoto dei rami secchi (e alla malinconia di cui sopra).

Ora è il momento del sole che abbaglia, che abbronza. Gli occhi non vedono nitidamente, la pelle bianca diventa nera. E non ci si riconosce più. A volte basta davvero così poco.

La gente parte. La gente. A volte senza salutare, volendo forse dimenticare, evitare inutili sentimentalismi.  Volendo cambiare! Volendo aprire e chiudere le parentesi come ante di un armadio! La gente fa il cambio di stagione. Ci si libera di ciò che non serve al momento, ma non definitivamente. Perché poi ritorna la stagione dei sentimentalismi.

… io non ho mai fatto il cambio di stagione. Non so neanche come si fa. Il mio armadio è sempre pieno dei maglioni e dei pantaloni di lino, conservo tutto. Tutto insieme.

Buoni propositi per l’estate: fare spazio, fare ordine. O forse no. Non ci riuscirò. O sì? No. Non sono la gente. Non sceglierò in base alle stagioni. Agli umori del momento.

Annunci

L’aria di Capri

In realtà il titolo di questo post potrebbe essere : LA FICTION “CAPRI” MI SNERVA. Sì, è così! Una questione di nervi innervositi dall’invidia! Spiego: qualche sera fa, accendendo la tv, mi è capitata sotto gli occhi una puntata della sovracitata serie dopo una giornata (l’ennesima e lunghissima) passata tra ambulatorio, lezioni e libri ed è stata una scelta deleteria! Non solo non son riuscita a seguire nemmeno un dialogo (sì, lo so che non mi son persa niente) e quindi non ho capito un cavolo di tutta la puntata (c’è da dire che dopo una giornata fuori di casa, a correre a destra e a manca, dopo le 21.30/22 vado in catalessi… e al massimo posso fare uno sforzo di concentrazione e osservazione sugli attori MASCHI … altro motivo pe’ rosica’… ma questa è un’altra storia), ma mi è venuta la gastrite da invidia (nuova entità nosologica inventata al momento per quelli come me che … sì, stavo proprio a rosica’… malattia simile al mal di mare, ma ti viene quando il mare – mannaggia – non c’è)!

Mare … blu che più blu non si può, barche, feste, i FARAGLIONI… Capri… aaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh!!!!!!!!!!!!! Che voglia di uscire dalla catalessi, fare un bagaglio al volo e partire subito!

I profumi di Capri … l’aria di Capri! …L’aria di Capri è rigenerante, forse basta l’idea e la consapevolezza di essere a Capri per sentirsi nella pace dei sensi. In un posto così hai la sicurezza che non può accaderti niente di male e se pure dovesse andar storto qualcosa, beh, ti consola il fatto di essere a Capri!

Ho il ricordo di una gita, un ricordo stupendo… mi ricordo il traghetto, i profumi, il piccolo bus per Anacapri, i souvenir, il giardino, i fiori, le risate … sì, che ridere! Quanto abbiamo riso! Riso di quelle cose sciocche, ridere come nei giochi dei bambini, ridere di leggerezza, di allegria pura … le mie amiche&me sul molo a salutare – fino a disarticolare la spalla (vabbé, ogni tanto mi piace esagerare… 😉 ) – un ragazzo con i capelli rossi che stava attendendo la partenza della sua nave. Non lo salutavamo perché ci aveva colpito il suo fascino, ma perché ci ricordava un amico che non era potuto partire e condividere con noi quella giornata così “astratta”, “surreale”. E così lo salutavamo, idealmente… era un saluto al nostro amico (ma il ragazzo con i capelli rossi non lo sapeva e il nostro comportamento l’aveva messo in tale imbarazzo che quel poverino cercava in tutti i modi di sottrarsi alla nostra concitata/eccitata attenzione, nascondendosi dietro ai pilastri del ponte della nave)!

Mi ricordo il vento, le foto… sì, non so dove abbia conservato le foto, però mi ricordo dove son state scattate. E poi la piazzetta, l’orologio … c’è l’orologio nella piazzetta, eppure su quell’isola il tempo è un concetto che non c’è (oppure c’è, ma non ha la connotazione negativa dei posti in cui si va di fretta, quindi, non costituendo un problema, il tempo è come se non ci fosse, non lo percepisci), invece lo spazio ti appartiene e, anzi, ti riempie! I profumi, l’aria così profumata…io me la ricordo, sì… in questo momento, mentre ci penso, la sento nelle mie narici. Dicono che la memoria olfattiva sia quella più sviluppata, quella che più di tutte è in grado di rievocare i ricordi, di ripescarli dall’archivio. Ed è così, anche ora, mentre penso a Capri e alla sua aria, rivedo il film della mia gita (e son passati tanti anni, non li conto per non sentirmi “vecchia”… 🙂 )

Non so quando andrà in onda la prossima puntata di Capri, ma non credo che ce la farò a vederla … perché poi l’unico traghetto che potrei prendere – una volta arginata e tamponata l’acidità da invidia – è quello della nostalgia e finirei col naufragare nella memoria.

Non so quando avrò il tempo di andare a Capri, anche solo per un giorno (sì, perché per troppi giorni poi il problema non è più di tempo ma … di tasca … non so se mi spiego), ma sicuramente tornerò … nel frattempo mi terrò alla larga da raiuno…

……………………………….

p.s.: tengo a precisare che nessuno mi ha pagato per fare la pubblicità all’isola e che questa non è pubblicità (“excusatio non petita, accusatio manifesta”? no, in questo caso no!)


novembre: 2018
L M M G V S D
« Feb    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
2627282930  

Post più letti

Più cliccati

  • Nessuna

Visit LucaniaLab

Blog Stats

  • 38.817 hits
Annunci